mercoledì 1 novembre 2017

Palermo, al via la prima edizione del Jazz Festival


Cinque giorni fitti di musica dal vivo con artisti internazionali







Sound raffinato e iniziative culturali che spazieranno dai workshop, ai seminari fino alle performances artistiche itineranti.


Saranno questi gli ingredienti essenziali di questi primi giorni di novembre. Dal primo al 5 del mese infatti, la città di Palermo si animerà di suoni a ritmo di jazz, che echeggeranno per le vie del centro storico e passeranno per la Biblioteca comunale di Casa Professa, la chiesa di San Mattia ai Crociferi, la chiesa-auditorium SS. Salvatore, il Palazzo Riso e infine il Teatro Politeama Garibaldi.
Si tratta di un evento promosso dal Comune di Palermo e organizzato dall’Associazione Culturae”, il cui programma sarà ricco di repertori interpretati da talenti del mondo jazzistico, ma non solo; tra
questi spiccheranno nomi del calibro di Uri Caine, compositore e pianista jazz statunitense, Roger Treece, cantante e arrangiatore, e Kurt Rosenwinkel, poliedrico chitarrista statunitense.

Per l’occasione poi, all’interno dell’iter musicale proposto - volto a coinvolgere non solo i fruitori “disinteressati”, ma anche gli addetti ai lavori - saranno presenti sei istituzioni in questa prima edizione del Palermo Jazz Festival; tra queste non potevano mancare: il Conservatorio Vincenzo Bellini di Palermo, la Fondazione Orchestra Sinfonica Siciliana, la Scuola di Musica Open Jazz School, la Scuola di Musica Virgin Jazz, l’Ars Nova Associazione Siciliana per la Musica da Camera e  il Caleidoscopio Jazz.
Ad introdurre i concerti durante la giornata inaugurale saranno il giornalista e presentatore televisivo Alessandro Amato, e il direttore artistico Toti Cannistraro.

Questa iniziativa, a pochi mesi dall’inizio dell’anno, e dall’evento con cui Palermo verrà proclamata “Capitale della Cultura 2018”, non poteva che presentarsi in un momento migliore. 

Queste infatti le parole del Sindaco della città, Leoluca Orando e dell’assessore alla cultura, Andrea Cusumano: “Il Palermo Jazz Festival è una grande rassegna, un altro dei tasselli che si aggiunge al percorso verso Palermo Capitale della Cultura e delle Culture. Il Jazz, grande miscela di tradizioni musicali, di storie e percorsi umani e culturali è simbolo di come il contatto, la mescolanza e l’arricchimento reciproco fra le culture siano forieri di grandi risultati. La nostra rassegna sarà anche una nuova occasione per fare di Palermo un palcoscenico di caratura internazionale, mostrando come la cultura sia uno degli elementi chiave su cui Palermo può contare per il proprio sviluppo armonico”.
E poi ancora così si è pronunciato Lino Pellerito, organizzatore del Palermo Jazz Festival: “Un primo risultato importante è stato riuscire a mettere insieme sei diversi soggetti istituzionali allo stesso tavolo e raggiungere un’intesa comune che avesse come unico denominatore la musica e la valorizzazione del centro storico e delle sue bellezze artistiche. Sarà una pacifica invasione di musica nel centro”.





Lavinia Alberti





PROGRAMMA:


Mercoledì 1 novembre. San Giovanni Decollato - Work di musica d’Insieme con Mimmo Cafiero e Rita Collura; alle 15 il workshop Jazz impressions di Fabio Orlando; 18.30 Palazzo delle Aquile (sala delle Lapidi) concerto in programma con la Bellini Jazz Orchestra diretta dal M° Giuseppe Urso, cui seguirà alle 20.45 Concerto Olivia Sellerio canta Montalbano presso la chiesa del (SS. Salvatore); alle 22.15 il concerto del Trio Kurt Rosenwinkel standards trio (SS. Salvatore);


Giovedì 2 novembre. Mostre fotografiche a tema jazz di fotografi locali e appassionati; dalle 11 in poi al via la Sezione Workshop con Roger Treece per il Canto, alla chiesa di San Mattia ai crociferi e a San Giovanni Decollato Michael Valeanu per la Chitarra e Pietro Tonolo per il Sax. Dalle 15 alle 17, i Work di musica d’Insieme con Mimmo Cafiero e Rita Collura e il workshop di fotografia Jazz impressions di Fabio Orlando.


Venerdì 3 novembre. Alla chiesa di San Mattia alla Kalsa le sezioni di Work canto con Roger Treece; a San Giovanni Decollato Work Chitarra con Michael Valeanu, Work sax con Pietro Tonolo, Work batteria con Roberto Gatto, Work Basso con Dario Deidda. Dalle 15 alle 17 Work Musica d’Insieme con Mimmo Cafiero e Rita Collura e il workshop di fotografia Jazz impressions di Fabio Orlando. Alle 20.45 il progetto Art Ensemble ideato dal giovane trombettista siciliano Alessandro Presti, 22.15 Danilo Rea piano solo nello stesso luogo Casa Professa nell’atrio della Biblioteca comunale


Sabato 4 novembre. Alla chiesa di San Mattia alla Kalsa le sezioni di Work canto con Roger Treece, a San Giovanni Decollato Work Chitarra con Michael Valeanu, Work batteria con Roberto Gatto, Work Basso con Dario Deidda. Dalle 15 alle 17 Work Musica d’Insieme con Mimmo Cafiero e Rita Collura. Dalle 15 alle 17 Work Musica d’Insieme con Mimmo Cafiero e Rita Collura. Sempre a San Mattia, alle 20.45 il nuovo progetto del pianista Mauro Schiavone trio, cui seguirà alle 22.15 il concerto Blu Planet, diretto da Roger Treece.


Domenica 5 novembre. Gran finale del Palermo Jazz Festival tutto al Politeama. Alle 18.30, al Politeama Garibaldi, concerto dell’Orchestra Sinfonica diretta da Gaetano Randazzo, con la partecipazione di Giuseppe Mazzamuto, Rita Collura, Gaspare Palazzolo e la voce di Anita Vitale. Alle 20.30 concerto piano solo con Uri Caine.




domenica 1 ottobre 2017

Duo Renna: il nuovo singolo, un omaggio alla musica popolare


Un excursus che lascia spazio alle sonorità contemporanee, ai ritmi orientaleggianti e spagnoli



S’intitola così, "Earth's Voice" il nuovo singolo realizzato da Nicolò e Gaspare Renna. Si tratta di un brano che, come ben si evince dal titolo, vuole essere un omaggio alla voce della terra, alle sonorità ancestrali che essa può evocare, oltre che un viaggio musicale che desidera raccontare con autenticità la cultura della musica popolare nelle sue varie forme: da quella orientale a quella spagnola; insomma, un vero e proprio concentrato di vari stili che si fonda sulle basi della musica colta contemporanea, i cui temi ritmici si alternano ad armonie ricercate, morbide ed intriganti.
Sin dalle prime note il brano colpisce per l’estrema armonia che trasmette, e ciò grazie agli accordi abilmente composti, che sembrano quasi riportare in un tempo senza luogo…ai primordi della madre terra. Un ruolo determinante ha senz’altro il vibrafono, che sembra quasi una trasposizione sonora dello scorrere dell’energia della natura; parallelamente, la chitarra serve a creare quelle suggestioni molto simili alla musica popolare spagnola. Un perfetto connubio dunque, che rende questa composizione estremamente originale, oltre che coinvolgente dal punto di vista sensoriale.
Un brano dunque con il quale i due fratelli Renna hanno pienamente raggiunto il loro duplice obiettivo: da un lato quello di avviare una sperimentazione musicale fatta di sonorità, richiami e timbri ancestrali, dall’altro quello di affacciarsi e orientarsi verso repertori contemporanei, attraverso influssi orientaleggianti come la musica araba, spagnola e celtica. Tutti questi sono stati aspetti fondamentali per la riuscita del brano in questione...ingredienti che hanno fatto nascere un grande apprezzamento mediatico, e non solo.
Si tratta di un singolo che – come ha dichiarato Nicolò Renna - non fa parte di un album, e che è nato con un intento ben preciso. 
L'idea di scrivere un brano per chitarra e vibrafono nasce dalla voglia dei musicisti di creare un sound unico ed originale; l'incontro dei due suoni fin ora è stato approfondito prevalentemente nella musica jazz. In questo caso invece "Earth's Voice" racconta la storia di un brano che si fonda sulla musica classica/contemporanea con innesti popolari tipici della tradizione araba. La bellezza di questo scambio artistico fra i due fratelli si caratterizza dal fatto che il brano è stato composto esclusivamente durante le prove...improvvisando e cercando di trovare soluzioni ritmiche ed armoniche che potessero valorizzare al meglio il connubio fra i due strumenti. Un lavoro certosino curato nel minimo dettaglio, creato per valorizzare e rispettare al meglio lo stile interpretativo e compositivo dei singoli musicisti; un incontro sonoro speciale che mette in luce una composizione davvero unica nel suo stile; un modo davvero sano di lavorare che prende forma solo quando si crea una sinergia di grande stima e professionalità fra gli artisti. Un progetto di grande musica nato grazie a “due anime sensibili che hanno unito le forze a favore di un progetto comune".
 ---
Nicolò Renna è diplomato in chitarra classica presso il Conservatorio di Musica Vincenzo Bellini di Palermo. Ha conseguito la Laurea di II Livello in Didattica della Musica e inoltre un Master Universitario di II Livello in Tecnologie Informatiche applicate alla Musica con stage finale presso il CPM di Milano. Da diversi anni si dedica alla composizione di musica strumentale. E' insegnante di ruolo presso le scuole medie ad indirizzo musicale di Palermo.
Gaspare Renna è un Maestro di Strumenti a Percussione laureato col massimo dei voti e la lode al Conservatorio "V. Bellini" di Palermo. Ha svolto numerose masterclasses con alcuni dei migliori percussionisti contemporanei nel mondo, come Emmanuel Sejourne, Gert Mortensen, Simone Rubino, Andrea Dulbecco. Ha suonato in orchestra in diversi e prestigiosi teatri, collaborando con artisti di fama mondiale. Ha vinto diversi primi premi in vari concorsi, i più importanti dei quali sono il Premio Nazionale Claudio Abbado ed il Concorso Internazionale IBLA GRAND PRIZE; ha anche ottenuto il premio della critica del pubblico (IBLA CARNEGIE HALL AUDIENCE AWARD WINNERS).

Lavinia Alberti


venerdì 1 settembre 2017

"Di istinti e di istanti", un omaggio alla chitarra solista


<Un lavoro eterogeneo, di grande coinvolgimento ritmico, che va dalle contaminazioni pop a quelle latin>



Un titolo estremamente suggestivo quello che ha scelto di dare Luca di Martino al suo primo album come solista: Di istinti e di istanti; si tratta di un disco d'autore interamente dedicato ai repertori per chitarra classica. Dieci brani originali composti ed eseguiti dal chitarrista, registrati e mixati presso l’Own Studio Rec di Isnello (paese siciliano situato nel territorio delle Madonie).
Ascoltando questi brani – frutto di una profonda maturità artistica - si entra in un universo sonoro assai variegato, che ben rispecchia la personalità e lo stile delle precedenti composizioni del chitarrista. Peculiarità di questi repertori, consiste nel fatto che essi presentano una raffinata ricerca ritmica che, brano dopo brano va diventando sempre più coinvolgente, passando così da uno stile più classico a uno via via più contemporaneo; sin dai primi brani si colgono infatti influssi eterogenei e contaminazioni che vanno dal pop al latin. 
La maggior parte delle composizioni dell’album – tutte molto orecchiabili - sono per chitarra sola; altre si presentano invece più “audaci”, e ritmicamente più dinamiche. Stiamo parlando de La danza delle idee e di Frammenti (rispettivamente la prima e l’ultima traccia del disco) nelle quali, alla fascinosa chitarra classica si uniscono le percussioni di Fabrizio Pezzino, capaci di creare suggestioni sonore davvero particolari. 
Ciò che emerge da queste musiche è dunque non solo la ricchezza ritmica, ma anche quella dei titoli scelti per le stesse. In queste ultime ricorrono infatti con costanza alcuni termini, tutti legati alle dimensioni temporali e spaziali: Frammenti, Sospeso, Nel tempo, Oltre, Orizzonte, Destinazione hotel; titoli che come tanti tasselli di un puzzle assumono un significato preciso e sembrano palesare l’intento del chitarrista: trasmettere musicalmente l’idea del futuro e al contempo del presente…con quell’hic et nunc fatto di piccoli istanti e grandi istinti emotivi. 
Un singolo dunque in grado di regalare forti emozioni e di trasportare il fruitore nei luoghi e negli immaginari più lontani; luoghi a cui probabilmente l’autore ha pensato e che ha immaginato componendo questi repertori.
Tanti sono stati i musicisti contemporanei che hanno elogiato di Martino, e che si sono espressi con entusiasmo a proposito di questo lavoro, tra questi il chitarrista di fama mondiale, Francesco Buzzurro, le cui parole sono state queste:
"Il disco di Luca Di Martino si presenta come un lavoro di pregevole fattura che in linea con le nuove tendenze della chitarra classica rivela una bella freschezza compositiva dai connotati ambient e new age. Il tratto più interessante di questo lavoro sta nella ricerca di un linguaggio che da un lato guarda alla musica contemporanea mentre dall'altro si contamina con il pop puntando su una ricerca ritmica dal gusto a volte più vicino al latin. [...] ".
Le note del chitarrista siciliano nascono quindi da una forte esigenza: quella di riempire e concretizzare ogni istante e di trasformarlo in emozione musicale. E’ lo stesso chitarrista siciliano infatti ad averlo detto:
“Da quando ho iniziato a suonare la chitarra sono sempre stato attratto dalla possibilità che avevo fra le mani, l’idea di poter creare, che da anni è l’impulso che accompagna le mie giornate. Ho deciso di raccogliere le mie idee in questo lavoro, un percorso personale, dove sicuramente convivono generi che hanno influenzato la mia crescita musicale. Ho concepito ogni brano come uno spazio libero, uno spazio diverso, uno spazio suggerito dall’istinto che si concretizza nell’istante, per poi essere rievocato nel tempo, donandomi un senso preciso di appartenenza, ed è questa l’idea che mi piacerebbe trasmettere…quell’istante, bello o brutto che sia, che è diventato musica. E questa musica non vuole essere altro che il mio omaggio a tutti quelli che mi hanno aiutato a riempire questi istanti...”


Lavinia Alberti



giovedì 10 agosto 2017

A Castelbuono l’Ypsigrock Festival: al via con la 21°edizione

Come ogni anno tanti i brani dedicati al genere indie, elettronico e rock: dal 10 al 13 agosto nella splendida Piazza Castello





Anche quest’estate Castelbuono, paese siciliano incastonato nel suggestivo borgo medievale delle Madonie, si animerà con l’Ypsigrock Festival, giunto quest’anno alla sua 21esima edizione.
Il tanto atteso Festival del genere indie e alternative-rock, inizierà il secondo weekend di agosto, e durerà quattro giornate, dal 10 al 13 agosto. Sede deputata per l’evento sarà, come ogni anno, la splendida Piazza Castello, cornice naturale di queste serate.
Si tratta di un’iniziativa ideata in origine da un gruppo di castelbuonesi, che sin dalla sua prima edizione (il lontano 1997) si è sempre distinta dalle altre offerte musicali per qualità di repertori e interpreti.
Come di consueto il primo giorno del Festival sarà dedicato a una serie di eventi (mostre e djset) che affiancheranno i concerti. I live saranno eseguiti invece dall’11 al 13 agosto, con quattro palchi allestiti nelle rispettive giornate: l’Ypsi & Love Stage, situato all’interno dell’ex Chiostro di San Francesco, il Cuzzocrea Stage, nella pineta dell’Ypsicamping, il Mr.Y Stage, inaugurato lo scorso agosto all’interno dell’ex Chiesa del Crocifisso, e l’Ypsi Once Stage, collocato ai piedi dell’anfiteatro naturale di Piazza Castello.
Tanti saranno i protagonisti di questo Festival, tra cui Adam Naas, Aldous Harding, Amnesia Scanner, Beach House, Beak, Boppypin, Bruce Harper, Bry, Cabbage, Car Seat Headrest, Edda. Ma non finisce qui, perché saranno presenti anche i vincitori di Avanti il Prossimo…2017, la talent competition dedicata alle band emergenti, che quest’anno ha raccolto oltre 250 iscrizioni provenienti da tutto il mondo. Si esibiranno poi anche band del calibro di Ride, Digitalism, Beach House. Insomma…ce ne sarà per tutti i gusti.
L’Ypsigrock è dunque (e lo sarà di certo anche quest’anno) molto più che una manifestazione musicale: un punto di riferimento per gli appassionati di questo genere, che ogni anno crea molte aspettative nei siciliani, e nei castelbuonesi in particolare, oltre che un evento di visibilità nazionale e internazionale. Merito di questa fama costruita negli anni, va sicuramente all’eccellente organizzazione gestita dall’Associazione culturale Glenn Gould, che ha progressivamente accresciuto la sua importanza all’interno del panorama degli eventi di musica live in Europa grazie ad una attenta cura artistica.

Anche questa edizione del Festival sarà quindi un’occasione ideale per trascorrere un weekend estivo unendo l’eccellente musica all’offerta enogastronomica siciliana: un perfetto connubio di sicuro appeal.
Un evento dunque molto importante, fortemente competitivo e unico nel panorama dei Festival locali e nazionali, come hanno sottolineato Vincenzo Barreca e Gianfranco Raimondo, fondatori e direttori artistici dell’Ypsigrock Festival: Ypsigrock è una scelta di cuore ed è una scelta consapevole, dove chi arriva decide di mettere di lato la frenesia da grande evento per godere di uno speciale spettacolo a misura d’uomo. A Castelbuono, infatti, diamo l’opportunità di assistere a tutti gli act in programma ma anche la possibilità di scoprire il territorio da ogni punto di vista. Siamo consapevoli che il valore aggiunto di Ypsigrock è dato proprio da questa grande opportunità che consente al nostro pubblico di appassionati di scoprire nuovi scorci del territorio attraverso una ricercata proposta musicale per una vacanza che in fin dei conti è una vera e propria esperienza sensoriale”.
L’Ypsigrock è insomma tutto questo: un amalgama di esibizioni musicali, spettacoli e sperimentazioni di ogni tipo di artista, oltre che un modo per godersi in pieno la cultura e le tradizioni di trinacria.


Lavinia Alberti


PROGRAMMA:

Giovedì 10 agosto 2017

WELCOME PARTY: SHIRT VS T-SHIRT resident djset X ANNIVERSARY EDITION / WHEN DUE

Venerdì 11 agosto 2017

RIDE / BRY / PREOCCUPATIONS / CABBAGE / HÅN / SERGIO BEERCOCK / NULARSE

Sabato 12 agosto 2017

DIGITALISM / REJJIE SNOW / BEAK / ADAM NAAS / AMNESIA SCANNER / CHRISTAUX / ÉSTEL LUZ / BRUCE HARPER

Domenica 13 agosto 2017

BEACH HOUSE / CIGARETTES AFTER SEX / CAR SEAT HEADREST / ALDOUS HARDING / KLANGSTOF / EDDA / BOBBYPIN / KASSIEL


lunedì 31 luglio 2017

Mattaliano e il Mediterranean soloist clarinets chiudono il Clarinet Sicily Festival


Grande successo per il Clarinet Sicily Festival, appena conclusosi, che si è tenuto nella giornata di ieri, domenica 30 luglio, presso il suggestivo Atrio Vescovile di Cefalù, di cui il protagonista è stato il Mediterranean soloist clarinets, ensemble creativo, originale nel suo genere.
Merito di questo importante traguardo va all’impeccabile regia scenica interamente curata dal Maestro Giovanni Mattaliano e ai talentuosi musicisti, che non si sono limitati alla mera esecuzione dei repertori clarinettistici, andando oltre; questi ultimi hanno infatti messo in piedi un vero e proprio show itinerante, in cui ognuno ha “messo in gioco” il proprio modo di essere e il proprio estro artistico, in primis il Maestro Mattaliano, il quale con una certa dose di ironia – cercando la complicità dei presenti - ha abilmente gestito l’evento, creando una cornice dal sapore e dai suoni tipicamente mediterranei.
Un inizio decisamente insolito per un concerto di clarinetti: tutti i musicisti si sono infatti riuniti intorno a un tavolo, bevendo del vino, dando così al pubblico (e chissà anche a qualche turista) l’idea di una Sicilia che non rinuncia mai a creare un clima di convivialità, tra frasi in dialetto e suoni accattivanti, anche in contesti come questi.
Dopo questa breve introduzione all’insegna del bere e del suonare - in un contesto che per certi aspetti sembrava quasi quello di una scena di un simposio, o comunque di un atto teatrale - i clarinettisti hanno poi eseguito diversi repertori, uno più suggestivo dell’altro, spaziando da quelli della tradizione popolare e bandistica a quelli jazz, fino ad arrivare a quelli contemporanei.
Il concerto si è aperto con la "Rhapsody In Blue" suonata all'unisono. Nel corso della serata è stata eseguita poi la composizione Luglio ‘92 del contrabbassista Massimo Patti, composta in memoria del giudice Paolo Borsellino, un brano dalle tonalità drammatiche, che è riuscito in pieno ad assolvere alla sua funzione: trasmettere – nel mese delle stragi di mafia - quel senso di drammaticità, riportando il pubblico nel lontano luglio ‘92. Un omaggio che ha fortemente emozionato i presenti. Dei brani in programma, sei sono stati composti dal Maestro Mattaliano e due dal Maestro Giuseppe Testa.
Altro aspetto particolare della serata, elemento fortemente teatralizzante, è stato il fatto che si è scelto di porre sul palco un bambino per impersonare Gimmy Giuffré (quest’ultimo compositore e clarinettista italo - americano degli anni ‘50, a cui il Festival è stato dedicato); una scelta registica che il pubblico ha molto gradito.
Uno spettacolo dunque sui generis, che ha saputo calibrare in giusta dose i toni ironici e apparentemente disimpegnati, e quelli più meditativi. Nel corso della serata i musicisti hanno infatti alternato parti musicate a parti “recitate”. Queste ultime sono state fondamentali per dare un tocco di vivacità all’evento, e per far divertire il pubblico.
Per finire in bellezza, si è poi passati al repertorio della tradizione partenopea: la tarantella del girotondo dal titolo Tarantamed”, composta dal Maestro Mattaliano e inserita attraverso un parallelismo con lo swing del brano precedente: "A night in Tunisia" di Gillespie, che annunciava la nascita del jazz per mano dei siciliani portatori in America di tradizioni popolari e di festosità.
Non ci resta che attendere la prossima edizione del Clarinet Sicily Festival, per rivivere le stesse magiche atmosfere che questo evento ha saputo donare.
Lavinia Alberti

giovedì 27 luglio 2017

Cefalù, sede della I edizione del Clarinet Sicily Festival: un omaggio a Jimmy Giuffrè


Tre giorni fitti, interamente dedicati ai repertori settecenteschi e contemporanei, con tanti eccellenti musicisti




Cefalù, la nota località marina meta di tanti turisti per il suo patrimonio artistico e culturale, quest’ultimo weekend di luglio (28 -29 -30) sarà protagonista di un evento musicale di grande importanza; si tratta del Clarinet Sicily Festival, quest’anno alla sua prima edizione.
La cittadina siciliana per la prima volta sarà la sede di un Festival senza precedenti, interamente dedicato al clarinetto, uno strumento musicale dal vastissimo repertorio, perfezionatosi dal ‘700 in poi per mano di grandi artigiani e dalle mille anime: stradaiola, classica, bandistica, popolare, etnica, jazz, che nel tempo ha donato creatività a tutti i musicisti che lo hanno impersonato e animato.
Protagonisti di queste suggestive sonorità, che animeranno le vie in riva al mare di Cefalù, saranno il clarinettista e compositore Giovanni Mattaliano, ideatore e direttore artistico dell’evento, e il compositore e clarinettista Giuseppe Testa, che con la cittadina ha sempre avuto un legame particolare, essendo originario della stessa.
La manifestazione artistica, dedicata al clarinettista e compositore italo americano Jimmy Giuffrè (di origini siciliane e attivo a partire dagli anni ‘50) è sostenuta dal patrocinio del Comune di Cefalù, dall’associazione musicale S. Cecilia, dall’Ambima, dalla Buffet Crampon di Parigi e dall’etichetta discografica Jazzliveimprovisation.
Per l’occasione – nella prestigiosa sede di Villa Bordonaro - saranno coinvolti anche numerosi concertisti siciliani, i quali con dedizione e passione faranno vivere diverse scene musicali estremamente emozionanti. Tre giorni fitti dunque, nei quali si alterneranno concerti e master class, queste ultime tenute da alcuni dei più rappresentativi clarinettisti siciliani; tra questi: Giuseppe Balbi, lo stesso Giovanni Mattaliano, Paolo Miceli e Vincenzo Paci.
Nel corso della seconda giornata, sabato 29 luglio (ore 21.15) presso l’Atrio Vescovile, andrà in scena “Il clarinetto solista e la banda”, un concerto diretto dal Maestro Giuseppe Testa alla guida della banda musicale S. Cecilia di Cefalù con i solisti Giuseppe Balbi, Giovanni Giuliano, Giovanni La Mattina, Salvatore La Placa, Roberta Marino, Giovanni Mattaliano, Paolo Miceli, Vincenzo Paci, Vincenzo Toscano e Massimo Vella, che eseguiranno un vasto repertorio, che spazierà dalle musiche di Korsakov, Mendelssohn, Ponchielli, Orsomando, Gershwin, fino a quelle di Mattaliano e Testa, “accontentando” così il pubblico estremamente eterogeneo di queste serate.
A conclusione del Festival, domenica 30 luglio, sempre nel medesimo luogo, ci sarà invece un concerto dal titolo “Spirit, particolarmente coinvolgente proprio perché agli splendidi repertori della tradizione mediterranea si unirà anche la magia della poesia (con testi e regia scenica curati da Giovanni Mattaliano); un perfetto connubio, di sicuro impatto per il pubblico.
Per chiudere in bellezza, ci saranno anche tanti altri talentuosi musicisti: tra questi il contrabbassista Massimo Patti, i percussionisti di Palermo, il Mediterranean Soloist Clarinets, quest’ultimo composto da alcuni dei maggiori rappresentanti della scuola clarinettistica mediterranea provenienti da ogni parte della Sicilia (Carmelo Colajanni, Giuseppe Di Carlo, Lillo Lino, Girolamo Manenti, Vito La Tora, Giampiero Risico, Salvatore Spera, Giancarlo Venturieri ed altri ancora) che suoneranno all’unisono, animati dalla stessa passione: la musica del clarinetto.
Un Festival che, con queste premesse, non potrà che riuscire al meglio. Non ci resta dunque che attendere l’inizio dell’evento, e goderci in pieno la bellezza e l’evocatività che questo strumento è in grado di trasmettere.



Lavinia Alberti

sabato 1 luglio 2017

La musica nell’era della multimedialità: evoluzione o involuzione?


Oggi sulla rete sono sempre meno le produzioni musicali di qualità. Molti sono i videoclip “usa e getta”


Dal vinile alle musicassette e i compact disc, fino ad arrivare ai file sharing e alle piattaforme online, per approdare poi ai canali social.
Nel giro di pochi decenni ci sono passate sott’occhio tutte queste innovazioni tecnologiche. Adesso, al tempo dei social media, delle condivisioni in tempo reale, dello streaming e dei videoclip, i mezzi e le modalità di fruizione musicale sembrano avere subito un’evoluzione senza precedenti. Ma siamo certi che siano tutte rose e fiori?
Se da una parte infatti i canali come You Tube, Vimeo, Vid.me, Streamable hanno portato a una maggiore democratizzazione (nel senso che ognuno può rendere visibile su tali canali ciò che ritiene di valore artistico), dall’altra hanno fatto sì che chiunque possa divulgare contenuti multimediali facendoli passare per prodotti musicalmente di qualità.
Nella maggior parte dei casi si tratta infatti di offerte musicali proposte da uno Youtuber qualunque di moda sul momento, che non ha una solida preparazione musicale alle spalle. Il risultato è che allo stato attuale abbiamo molti videoclip musicali usa e getta, che non superano una stagione estiva (spesso e volentieri inoltre non c’è una diretta proporzionalità tra il numero di visualizzazioni raggiunte e la loro qualità).
Oggi sulla rete dunque sono sempre meno le produzioni multimediali di qualità; si riscontra infatti ancor più di qualche tempo fa una vera e propria overdose di brani di basso lignaggio, e forse è proprio la rete e il cattivo utilizzo di essa da parte degli utenti (anche tramite la condivisione sui social di contenuti musicali di dubbia qualità) ad aver agevolato questo processo.
Ad essere crollato nell’era della multimedialità e dei social è stato anche il tradizionale concetto di album (e il suo mercato, che forse nel giro di un decennio sarà destinato a scomparire) e con esso il rituale della “lentezza” della sua fruizione; ciò di fatto significa che oggi si sta perdendo progressivamente quella “sacralità” che un album procurava: il semplice fatto di acquistare un disco o un cd, di tenerlo in mano e di vedere incisa sulla copertina di esso l’immagine del proprio idolo era qualcosa di emozionante…che faceva trasparire tutta la carica evocativa del cantante.
Oggi tutto questo se c'è ancora, è in via di estinzione. Siamo così passati da un ascolto lento e intimo (slow music) a uno frenetico e privo del contesto e della giusta attenzione (fast music); dal possesso fisico della musica (il buon vecchio album e i dischi) a quello basato sull’accesso tramite una rete (Spotify, Apple Music e Deezer, con la possibilità di creare una playlist, che probabilmente sarà l’album del futuro).
In questo universo social e “liquido” - in cui domina la smaterializzazione dei supporti fisici - molti artisti oggi scelgono non a caso di realizzare sempre più singoli, fruibili ad esempio su You Tube, perché potenzialmente visibili a milioni di utenti.
Se da un lato sta accadendo questo, dall’altro lato però, forse perché si sta troppo “tirando la cinghia”, in questi ultimi anni si sta cominciando a vedere un ritorno al vinile…forse per nostalgia di un tempo (che per certi aspetti era migliore) o per moda.
Nell’era delle piattaforme multimediali e delle condivisioni in rete, insomma, l’artista, almeno per quel che riguarda il mondo della rete, sembra stia diventando oggi parte di una catena di montaggio, costretto a produrre (in parte) non sulla base di ciò che vorrebbe realizzare (ad esempio un album) ma sulla base del miglior mezzo per raggiungere il proprio target (con i singoli in streaming, appunto).